"Alesso e dintorni", dal puint di Braulins al puint di Avons

"Alesso e dintorni", dal puint di Braulins al puint di Avons

domenica 31 maggio 2015

Elettrodotto per Somplago: "no si lu fâs plui e fertic"

Sul numero di "Ladins dal Friul" appena uscito, una riflessione della rivista, a firma Renzo Balzan,  sugli ultimi sviluppi della questione dell'elettrodotto Wurmlach - Somplago:

Eletrodot Würmlach-Somblât: disìn graziis a Viene
Ma i Comitâts di difese teritoriâl de Cjargne a invidin a restâ in vuaite

Sul progjet dal eletrodot Würmlach-Somblât e semee rivade la sentence definitive: no si lu fâs plui e fertic. Une sentence che no je rivade ni di Triest e nancje di Rome, ma di Viene. Sun chest cont bielzà il mês di Setembar stât il tribunâl aministratîf federâl austriac al veve dineade la
autorizazion al iter de opare, judicantle no compatibil cul teritori che e varès traviersât, une valade che di Kötschach-Mautnen che e va jù viers misdì sul confin cu la Cjargne, il cussì clamât “Kronhofgraben”, considerât un sît di alt valôr naturalistic, candidât par chest a jentrâ a fâ part dal Patrimoni de umanitât tutelât dal Unesco e za fasin part des centis ambientâls tuteladis dal protocol “Nature 2000”.
Partint di chestis premessis il mês di Avrîl stât si è vignûts a savê che chê sentence e je stade
confermade ancje dal Consei di Stât di Viene, cuntun proviodiments che al puarte la date dai 24
di Fevrâr, ma che al è stât rindût public juste apont ae fin dal mês di Avrîl. Naturalmentri, la
competence teritoriâl di chest suprem ordin jurisdizionâl al à valence dome pal teritori austriac,
ma al evident che, no podint realizâ i 42 chilometris di eletrodot proviodûts sul teritori
carintian, e ven a colâ ancje chê part di progjet che e varès vût di traviersâ la Cjargne, dilunc il Cjanâl di San Pieri fint a Somblât. E ven sù dut câs l’ostie a savê che invezit il Ministeri dal Ambient di Rome al veve dât un parê positîf in rivuart ae valutazion di impat ambientâl di cheste opare, cuntun proviodiment publicât fintremai su la Gazete Uficiâl.
Risultati immagini per somplago wurmlachLa decision dal mês di Setembar stât dal tribunâl aministratîf austriac e jere stade acolzude cun maravee e insoference dai promotôrs dal eletrodot (la Alpe-Adria Energjie di Udin), parcè che daspò la decision positive dal Ministeri talian dal Ambient, e soredut daspò la cjapade di posizion favorevul de Union Europeane, ducj a jerin aromai rassegnâts a scugnî gloti cheste gnove injustizie.
In fats tal Istât di an passât la Ue e veve vût cûr di meti dentri cheste opare tal elenc intai progjets
“di interès comunitari”, une condizion che e varès permetût ae Alpe-Adria Energjie di podê aurî ai
finanziaments europeans, di rindi plui curient l’iter des proceduris des autorizazions e di otignî, se al
coventave, daurman il dispropi dai terens dulà che e veve di passâ la opare. Ma, cemût che o vin
sclarît denant trat, il tribunâl aministratîf austriac al veve palesade une divierse opinion. Cuintri chê
sentence la societât proponint e veve presentât ricors al Consei di Stât di Viene, che al à invezit
confermade ad in plen la decision cjapade inte prime sentence, respinzint cussì il ricors.
Nol covente discori che chest esist de “vicende eletrodot” al è stât acolzût cun solêf dai Comitâts
che in chescj agns in Cjargne si son batûts cuintri cheste opare, che e varès disfigurât un patrimoni
ambientâl tra i plui biei de interie Regjon. E lu àn fat cuintri dut e cuintri ducj, cuintri la politiche ma chest sot sot e à simpri sostignût la realizazion dal eletrodot, se no no si rivarès a capî il parcè di
chel parê positîf de bande di Rome. No sin cussì barbezuans di no rivâ a capî ciertis trabossignis.
Juste il Coordenament dai Comitâts di difese teritoriâl de Cjargne sun chest cont al à burît fûr
un comunicât dulà che al ven sotliniât che: “Ae cjapade di posizion dal Coordenament dai Comitâts
de Cjargne sul eletrodot Würmlach-Somblât, sul cuâl la resinte sentence dal Consei di Stât di Viene
e à metût un “verboten” definitîf par chel che al inten la trate carintiane, e à rispuindût la president
de Zonte regjonâl Debora Serrachiani. E lu à fat in maniere publiche cun declarazions ae stampe
sclarint che, di une bande, lis resintis decisions austriachis di proibî la costruzion di fat a slaifin
cualsisei pussibile realizazion de nestre bande, e di chê altre, visant che l’assessore Vito e à vût la
incarghe di fâ dai pas in rivuart alì dai competents ministeris di Rome”.
Declarazions che a son stadis preseadis, ma, a insistin inmò i Comitâts: “Che i ministeris di Rome
a vessin tornadis a vierzi lis proceduris pe realizazion de trate in Cjargne in presince di une
prime sentence negative in Austrie e tal moment che al jere daûr a pronunziâsi il Consei di Stât di
Viene, nus àn metût in vuaite, ma soredut nus puartin a difidâ dai tananais in vore intai ministeris
di venti jù”.
In sumis la sentence di Viene e je di une impuartance tâl che e varès di conseâ la presidente
Serracchiani, che e je ancje la influent vice presidente nazionâl dal Partît Democratic, oltri che
responsabil par chest partît pes infrastruturis – e l’eletrodot e je une infrastruture – a meti cheste
Risultati immagini per somplago wurmlachdecision austriache no intes mans dai ministeriâi romans, ma in chês dal so amì prin ministri Renzi parcè che al sieri une volte par dutis, e par simpri, cheste vicende suntun progjet privât che, cemût che e à vût cûr di ricognossi la stesse Serrachiani, al presente “cetantis problematichis”.
Il comunicât dai Comitâts al rive in fin insom disint che: “Chest a dovaressin domandâ ancje i sindics cjargnei ae president Serracchiani. No voressin che, al di là dal ricors al president de republiche, aes gjenerichis declarazions sul eletrodot come “jo o soi contrari” al vebi di sucedi ce che al è bielzà sucedût chenti sul cont de vicende dal tribunâl, dulà che ducj a jerin contraris ae sô sierade, ma ae fin lis cjossis a son ladis a finîle verementri mâl! Une cjosse e je il dî, une altre il fâ. Juste apont tra il dî e il fâ al è tal mieç il mâr!”.
In conclusion o scugnìn jessi cetant agrâts a Viene e ae Justizie austriache se no, al sarès stât
impreteribil, nus varessin tornâts a tibiât une altre volte. Altri che leçs e progjets a sostegn de mont.
Cuant si svearaie la int? Cuant cjaparaie cussience di ce che al è daûr a sucedi intes nestris valadis,
gjestidis come che a son in maniere coloniâl?
(renzo balzan)

sito di riferimento: http://ladinsdalfriul.blogspot.it 

sabato 30 maggio 2015

"Ale rock festival" torna lunedì a Trasaghis

Torna lunedì  1° giugno l'Ale rock festival, proposto  in ricordo di Alessandro Lenardon, scomparso tragicamente il 2 giugno del 1996. La manifestazione viene proposta dall'Associazione "Music ... Ale" con la collaborazione del Comune di Trasaghis e dell'Associazione Luca onlus. Il ricavato andrà in beneficenza all'associazione Luca onlus di Magnano che opera in aiuto dei bimbi meno fortunati e delle loro famiglie.
Negli anni scorsi si sono avvicendati sul palco dell'Ale Rock Festival grandi realtà musicali friulane come Pinkarmada, Living Dolls, Barbariga, Mad Scramble, Power Flower, Johnny Cane Band, Glasgow Sailors, 7 days weekend, Da Est, Matteo Bellotto, Decanto, Lounge Bossa, AlianteEnsamble, Renzo Stefanutti, Alessandro Lepore, Criminal's Party, 99%, Acustic hole band, Cindy rock history....

Ecco invece il programma di quest'anno, al Campo sportivo di Trasaghis:
- Apertura chioschi dalle 16
- Live show dalle 21

ECCO LE BAND!!!!!

Gli Amazing Grace nascono agli inizi del 2015 con l’intento di reinterpretare sia grandi classici che nuove uscite di stampo blues, soul e soft rock. Nonostante la recente formazione, grazie al forte affiatamento tra i membri, hanno già avuto l’occasione di lavorare in studio e registrare alcune demo. La band è formata da Grazia Sangoi (voce), Federico Marcon (chitarra), Marco Freschi (basso) e Francesco Ganis (batteria).

SoniaG è una cantautrice rock e poetessa Udinese. Ha cantato e composto canzoni con gli Euston prima e con i The Casual’s poi con i quali ha girato l'Europa, percorrendo migliaia di km e suonando in svariati clubs e Open Airs. Nel 2012 la prima sua raccolta di poesie “Spettinata tra la gente” edito FusibiliaLibri.“Nothing In Return” è il suo nuovo EP prodotto da Fabio Trentini (Guano Apes, H-Blockx, Mr.Mister, Stickmen, Le Orme e molti altri); un EP cantabile e senza fronzoli ma pieno delle emozioni, dei sentimenti e dei ricordi di SoniaG.

I Bandelìa sono una band che è “on the road” dal 1990. Hanno partecipato a Winner Parade ‘93, Arezzo Wave, Sanremo Famosi e festival degli Sconosciuti. Dopo la pubblicazione del loro primo cd dal titolo “il pesce è un alimento che non fa per me“, i Bandelia si sono evoluti verso ritmiche funky del nutrito combo di acid jazz a cavallo degli anni ’70 e ’80. Sinonimo di professionalità e divertimento. Non sarà facile rimanere fermi !!!!


venerdì 29 maggio 2015

Una settimana di studi sulle condizioni del Lago (VII)

Amministratori e rappresentanti dei Comitati hanno presentato congiuntamente, ieri sera, la prima relazione sulla campagna di studi in corso sul Lago di Cavazzo / Tre Comuni a opera dell'Ismar - Cnr e dell'Ogs.
Il Sindaco di Trasaghis Augusto Picco, il  collega di Cavazzo Gianni Borghi ed il vicesindaco di Bordano Flavio Piazza  hanno introdotto la serata, sottolineando in particolare  la nuova atmosfera di collaborazione reciproca instaurata (Picco), l'importanza di affidarsi a organismi qualificati per la ricerca scientifica (Borghi), l'esigenza di operare rapidamente superando le insidie della burocrazia (Piazza).
Il dott. Luca Gasperini, ricercatore dell'Ismar-Cnr di Bologna, ha spiegato i termini della indagine, con l'utilizzo di veicoli autonomi di superficie per la determinazione, attraverso gli ultrasuoni ed i carotaggi, delle  caratteristiche dei sedimenti che coprono i fondali del lago, andando a ricostruirne la distribuzione nel tempo,  in particolare per cercare di capire quale trasformazione abbia subito il lago, soprattutto dall'avvio dell'attività della centrale ad oggi. Gasperini ha preannunciato che i risultati della conoscitiva saranno messi a disposizione di tutti,  quale contributo per cercare di capire come gestire al meglio una importante risorsa naturale come quella del lago. E qualche prima "succosa" anticipazione il tecnico dell'Ismar l'ha fornita, facendo vedere la rielaborazione di alcune immagini dalle quali  si evidenzia la multiforme stratificazione del fondale, che presenta "oggetti" assai diversificati, dal fango depositato negli ultimi decenni ai residuati bellici alle testimonianze di insediamenti remoti. Particolare interesse ha destato la notizia che, a un primo esame, parrebbero ancora attive diverse delle polle e sorgenti sotterranee che si ritenevano ormai "stropadas".
Diversi sono stati gli interventi e le richieste di chiarimento del pubblico; in particolare il consigliere regionale Elena Bianchi, esprimendo compiacimento per l'alto livello di strumentazione scientifica adoperata, ha preannunciato l'impegno a sostenere in Regione l'importanza di assicurare sostegno al proseguimento della campagna di studi  (attualmente le ricerche vengono effettuate dagli esperti bolognesi in maniera del tutto gratuita, col solo sostegno logistico garantito dalle amministrazioni comunali, enti e privati).
Franceschino Barazzutti, portavoce dei Comitati, sintetizzando l'andamento della discussione,  ha sottolineato l'importanza delle rilevazioni scientifiche avviate e ribadito come ora la rinaturalizzazione del lago possa rappresentare un obiettivo raggiungibile, considerate le prese di posizione  della IV commissione consiliare regionale e dello stesso piano regionale di tutela delle acque che citano espressamente la situazione del lago e prospettano la verifica tecnico-economica della realizzazione del by-pass per portar fuori le acque di scarico della centrale. "Un obiettivo - ha concluso Barazzutti - che si potrà raggiungere se si otterrà su queste tematiche la generale sensibilizzazione ed il necessario coinvolgimento di amministratori, comitati, opinione pubblica".
                                                               
                                                                                                              Pieri Stefanutti

Una settimana di studi sulle condizioni del Lago (VI)

L'Ismar-Cnr di Bologna studia gratuitamente lo stato
di salute del lago che la Regione vuole rinaturalizzare


La Vita Cattolica, Giovedì 28 Maggio 2015


La storia del lago di Cavazzo ricostruita attraverso la «lettura» dei suoi fondali. Si apre un nuovo capitolo per quello che è l'unico specchio d'acqua naturale del Friuli-Venezia Giulia: in questi giorni, infatti, grazie ad un progetto dell'Istituto di scienze marine Ismar-Cnr di Bologna, condotto in collaborazione con l'Osservatorio geofisico sperimetale Ogs di Trieste, tre strumenti di ultima generazione stanno effettuando rilievi geofisici utili per «leggere» il lago prima e dopo l'entrata in funzione - nel 1959 - della tanto discussa centrale idroelettrica di Somplago, di proprietà Edipower.
«Attraverso tre veicoli autonomi di superficie - ha spiegato Luca Gasperini, ricercatore dell'Ismar-Cnr di Bologna, in questi giorni in Friuli -, analizzando le acque, le caratteristiche dei sedimenti che coprono i fondali e come questi si siano distribuiti nel tempo,vogliamo comprendere quale trasformazione abbia subito il lago che, sappiamo, è stato impattato fortemente da attività umane, nel caso specifico dalla centrale. Metteremo poi a disposizione di chiunque, dai Comitati ai Comuni e alla Regione i risultati della nostra indagine conoscitiva, sperando possa risultare utile per capire come gestire al meglio questa importante risorsa naturale».
Va sottolineato che gli studi - i rilievi in loco andranno avanti fino a venerdì 29 maggio - vengono effettuati dagli esperti bolognesi in maniera del tutto gratuita. «Siamo stati fortunati - ha commentato Franceschino Barazzutti, portavoce dei Comitati che per anni si sono battuti contro il preventivato raddoppio della centrale di Somplago il cui progetto, dopo lunghe e aspre battaglie, anche a suon di petizioni e manifestazioni di piazza, è stato poi ritirato dalla proprietà in quanto definito «non più strategico» -, perché sono stati i ricercatori a trovarci, manifestando l'intenzione di studiare il nostro lago».
L'iniziativa è stata presentata martedì 26 maggio nella sede della Regione a Udine, in un incontro dal sapore storico: per la prima volta, infatti, allo stesso tavolo - e per lo stesso obiettivo: salvare il lago di Cavazzo - si sono seduti i rappresentanti dei Comitati e i sindaci dei Comuni rivieraschi (Cavazzo Carnico, Trasaghis, Verzegnis e Bordano) che al tempo avevano dato il proprio avvallo al progetto di raddoppio della centrale (i primi tre firmando un atto); insieme a loro anche gli amministratori di Venzone e Gemona, del Consorzio Bim Tagliamento di Tolmezzo e delle due Comunità montane della Carnia e del Gemonese (e tra il pubblico anche una rappresentanza di Edipower), oltre agli esperti che presenteranno la campagna di rilievi in un'assemblea pubblica, giovedì 28 maggio, alle 20.30, al Centro sociale di Alesso (in un incontro promosso dal Comune di Trasaghis e dal Comitato di difesa e valorizzazione del lago).
La ricerca, dunque, si aggiunge, agli studi già effettuati in passato sia dai Comitati (uno firmato dall'ingegnere Dino Franzil e uno dal geologo Roberto Cella), sia dai Comuni rivieraschi (a cura dell'ingegnere Franco Garzon). Pagine e pagine di dati e analisi che, portando ad una stessa conclusione, avevano fatto scattare l'allarme: al posto del magnifico specchio d'acqua, nel giro di un centinaio di anni, se si continua così, ci sarà una grigia palude. Causata dal continuo scarico della centrale direttamente nel lago.
A tal proposito, proprio per voce dei Comitati, già da tempo è stata avanzata la proposta di un progetto per intubare lo scarico, bypassando il lago, e portandolo direttamente nel canale Leale. Una possibilità - il cui obiettivo è quello di recuperare le condizioni di naturalità del lago -, ora al vaglio della Regione, che ha dato l'ok ad uno studio di fattibilità, dopo aver inserito il lago di Cavazzo nel Piano regionale di tutela delle acque.
Monika Pascolo
(ha collaborato Maira Trevisan)



giovedì 28 maggio 2015

Una settimana di studi sulle condizioni del Lago (V)

Un'ecografia con il drone stabilirà la salute del lago

Il Gazzettino, Mercoledì 27 Maggio 2015

CAVAZZO - Una settimana di tempo per compiere la prima vera "ecografia" al lago di Cavazzo, così da capire scientificamente in che stato di salute versi il bacino più grande della regione, la quantità e la tipologia dei sedimenti depositatisi negli ultimi cinquant'anni sul fondale a seguito dell'entrata in funzione della centrale idroelettrica di Somplago, le possibili soluzioni per evitarne la lenta scomparsa attraverso la rinaturalizzazione. A questo stanno lavorando da lunedì un'equipe dell'Istituto nazionale di Scienze Marine di Bologna (Ismar - Cnr) e l'Ogs di Trieste.(...)




Stasera, alle 20.30, nel Centro Servizi di Alesso, il piano di ricerche verrà presentato alla popolazione:




mercoledì 27 maggio 2015

Una settimana di studi sulle condizioni del Lago (IV)

Importanti novità e soprattutto rilevanti prospettive sono emerse durante la conferenza stampa di ieri sulla settimana di rilevazioni scientifiche sul Lago:

Gli esperti del Cnr passano al setaccio i fondali del lago dei tre Comuni

 (dal sito del Messaggero Veneto, 27 maggio 2015)

TRASAGHIS. Rilievi geofisici realizzati con strumenti di ultima generazione per conoscere i fondali del lago dei Tre Comuni, il primo passo per avviare la futura rinaturalizzazione del grande bacino friulano. A realizzare l'intervento, nel corso di questa settimana, sono i tecnici dell'Istituto di scienze marine Ismar-Cnr di Bologna in collaborazione con l'Osservatorio geofisico sperimentale Ogs di Trieste.
L'iniziativa è stata presentata ieri nella sede della Regione a Udine alla presenza dei rappresentanti dei comitati a tutela del lago insieme agli amministratori dei Comuni di Trasaghis, Bordano, Cavazzo, Venzone, Gemona, delle due Comunità Montane della Carnia e del Gemonese e anche dei rappresentanti di Edipower.
«Oggi si apre un'epoca nuova - hanno detto i tre sindaci della valle del lago Augusto Picco, Gian Luigi Colomba e Gianni Borghi - che ci vede tutti uniti attorno al nostro lago. Il lago è stato compromesso a causa dell'azione umana nel corso dei decenni e oggi, con l'apporto di dati scientifici avremo un punto di partenza su cui costruire un futuro progetto di salvaguardia del bacino».
Se già in passato gli studi effettuati tanto dai comitati che dalle amministrazioni comunali avevano evidenziato il rischio di scomparsa del lago nel giro di cento anni a causa dell'accumularsi continuo dei fanghi sui fondali, ora, dopo che lo stesso è stato inserito come punto da rinaturalizzare all'interno del piano regionale di tutela delle acque, il contatto con l'Ismar di Bologna va in quella direzione.
«Questo lago - ha spiegato Luca Gasparini dell'Ismer - ci dà la possibilità di utilizzare un drone a cui stiamo lavorando che permette di fare delle misurazioni attraverso il ricorso alle onde ultra-soniche, con le quali è possibile fare un'analisi dei sedimenti anche fino a 15-20 metri a partire dal fondo. I nostri mezzi permettono di analizzare le stratificazioni sul fondo e datarle».
Le analisi dei tecnici dell'Ismar sono iniziate lunedì e proseguiranno fino a venerdì. Con i dati raccolti sarà possibile capire qual è la situazione nei fondali del lago, un punto di partenza fondamentale per lo sviluppo di un futuro progetto di rinaturalizzazione.
Da parte loro, i tecnici di Ismar hanno già dato la disponibilità a collaborare per un futuro progetto che conti su finanziamenti europei: «Certamente - hanno detto i presidenti delle due Comunità montane dell'alto Friuli Aldo Daici e Lino Not - i due enti montani daranno il loro supporto ai Comuni nell'intraprendere questo percorso ma
è chiaro che per una progettazione di quel tipo sarà necessario che la Regione faccia da capofila». L'iniziativa svolta da Ismar e Ogs questa settimana sul lago sarà presentata alla popolazione giovedì sera alle 20.30 nel centro servizi di Alesso.

 

Avviato il laboratorio di restauro promosso dall'Ecomuseo



Maggiori info e documentazione fotografica andando alla pagina : 

martedì 26 maggio 2015

Una settimana di studi sulle condizioni del Lago (III)

Lago di Cavazzo sotto esame

Al lavoro da  lunedì a venerdì i ricercatori dell'Ismar-Cnr per comprendere cosa sta accadendo sul fondo del bacino


Una delle preoccupazioni espresse a più riprese dai comitati che si battono per la salvaguardia del lago di Cavazzo è che il bacino naturale sia destinato a un rapido interramento a causa dell’afflusso di fanghi provenienti dalle condotte della centrale di Somplago che a sua volta riceve le acque di buona parte dei fiumi della Carnia.
Il processo di interramento sarebbe così rapido da far perdere le sue caratteristiche al lago entro i prossimi cento anni ed è dunque indispensabile immaginare soluzioni che permettano di evitare questo pericolo.
Per capire cosa stia effettivamente accadendo ai fondali dello specchio d’acqua, sono al lavoro un gruppo di ricercatori dell' Istituto di scienze marine (Ismar) di Bologna, del Comitato nazionale delle ricerche (Cnr) e dell' Osservatorio geofisico sperimentale (Ogs) di Trieste che d' intesa con i Comuni di Bordano, Cavazzo Camico, Trasaghis, il Comitato per la difesa e valorizzazione del lago ed il Comitato per la tutela delle acque del bacino montano del Tagliamento, da lunedi 25 a venerdi 29 maggio, eseguiranno con strumenti di ultima generazione una serie di rilievi geofisici del lago. L’intenzione è di compilare una mappa morfobatrimetrica di dettaglio del fondo e una mappa della spessore e della distribuzione dei sedimenti, a cui seguiranno ulteriori studi.
Il piano dei rilievi, le finalità e le avanzate tecniche utilizzate per l’occasione, saranno illustrate da Luca Gasperini, scienziato dell'Ismar-Cnr, nella conferenza stampa organizzata per martedì 26 maggio 2015 nelle sale del Palazzo della Regione a Udine.




lunedì 25 maggio 2015

Una settimana di studi sulle condizioni del Lago (II)

Dopo la conferenza stampa di domani martedì, i Comuni rivieraschi ed i Comitati propongono per giovedì 28, alle 20.30, nel Centro servizi di Alesso una pubblica assemblea per l' 
ILLUSTRAZIONE DELLA CAMPAGNA
DI RILIEVI GEOFISICI DEL LAGO
La campagna viene condotta d’intesa con:
I Comuni della Val del Lago
I Comitati locali
Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR)
L'Istituto di Scienze Marine (ISMAR) di Bologna
L'Osservatorio Geofisico Sperimentale (OGS) di Trieste
al fine di compilare la mappa morfobatimetrica di dettaglio del fondale, la mappa dello spessore e della
distribuzione dei sedimenti, a cui seguiranno ulteriori studi.

La relazione principale sarà tenuta dal dott. Luca Gasperini, Senior Research Scientist dell’ISMAR- CNR.

Sono previsti anche gli interventi di:
• Augusto Picco, Sindaco di Trasaghis
• Franceschino Barazzutti, del Comitato
 e le domande ed i  liberi interventi del pubblico



domenica 24 maggio 2015

Una settimana di studi sulle condizioni del Lago

Martedì prossimo, a Udine,  ci sarà la presentazione di una importante settimana di studi scientifici sul Lago: ricercatori di importanti istituti quali l'ISMAR, il CNR e l'OGS effettueranno delle indagini assai sofisticate per analizzare le condizioni del Lago e la consistenza dei fanghi.



Al di là del valore scientifico della iniziativa, indubbiamente rilevante, pare importante sottolineare il fatto che essa  venga proposta congiuntamente dalle Amministrazioni comunali e dai Comitati: superate le contraddizioni all'epoca dell'ipotesi di raddoppio della centrale di Somplago, si avvia forse un percorso nuovo, incentrato sul confronto e sulla ricerca di percorsi condivisi. Un atteggiamento auspicato ad abundantiam da questo Blog.



sabato 23 maggio 2015

Avasinis ricorda Valentino Del Bianco, cui è stata dedicata una medaglia e una via

Giusto e Del Bianco, i primi alpini caduti


Messaggero Veneto, 22 maggio 2015

TRASAGHIS. In questi giorni densi di iniziative per ricordare gli accadimenti del primo conflitto mondiale, sarà ricordata anche la figura di Riccardo Giusto di Udine, primo dei 650 mila caduti nella Grande Guerra. Per questo motivo, domenica al Teatro Ristori di Cividale, sarà proiettato anche il film "Alpino Riccardo Giusto".
Ma domenica 24 maggio, a cento anni esatti di distanza, anche la gente di Avasinis ricorderà l'alpino Valentino Del Bianco "Zampares", anch’egli morto il primo giorno di quel sanguinoso conflitto. Ne dà notizia Ivo Del Negro, esponente politico già sindaco di Trasaghis.
Il Comune di Trasaghis e l’Associazione Nazionale Alpini, con i gruppi di Avasinis, Alesso e Peonis appartenenti alla Sezione di Gemona, «ricorderanno degnamente quello che può essere considerato il secondo caduto della Grande Guerra», ricorda Del Negro.
Alle 10.30 è previsto il ritrovo davanti al centro sociale di Avasinis, successivamente si formerà un corteo con il vessillo della sezione, quello dell’Associazione "Mai Daur" e i gagliardetti dei gruppi, che raggiungerà la chiesa parrocchiale di Avasinis.
Alle 11 il parroco don Giulio Ziraldo celebrerà la messa a ricordo dell’alpino Valentino Del Bianco e di tutti i caduti. Interverranno il sindaco di Trasaghis Augusto Picco e il presidente della Sezione Ana di Gemona Ivano Benvenuti. Del Negro tratteggerà una breve biografia dell’alpino scomparso. Successivamente davanti al monumento ai caduti posto all'esterno della chiesa sarà deposta una corona di alloro.
«È interessante ripercorrere brevemente la sua vicenda personale. Figlio di Domenico e Orsola Ridolfo - scrive Del Negro – Valentino Del Bianco era nato ad Avasinis di Trasaghis il 24 ottobre 1891, primo di sette figli, due dei quali morti in tenera età.
Prima e dopo il servizio militare, come tanti altri giovani friulani, era emigrato per lavoro in Austria, Germania e Romania. Il 25 ottobre 1911 venne chiamato alle armi e assegnato all'8° Reggimento Alpini Battaglione Gemona. Il 28 settembre 1912 partí per la Tripolitania e la Cirenaica imbarcandosi a Napoli. Il 23 luglio 1913 rientrò in Italia per rimpatrio sbarcando a Napoli.
Venne congedato il 25 novembre 1913. Gli era stata concessa la dichiarazione di aver tenuto buona condotta e di aver servito con fedeltà e onore. Il 14 agosto 1914 venne dispensato dalla chiamata alle armi perché era già in servizio il fratello Antonio, classe 1894. Il 30 aprile 1915 venne richiamato alle armi per mobilitazione per la guerra. Il 23 maggio giunse in Val Dogna in zona dichiarata in stato di guerra».
La sua vista si sarebbe concluso il 24 maggio 1915, primo giorno di guerra. «Alle 4.30 del mattino (tre ore e mezza dopo l’inizio delle ostilità) - scrive Del Negro – Del Bianco morí in combattimento in località "Due Pizzi" (dove è stato anche sepolto), come risulta dall’atto di morte inserito al n.1 nel registro degli atti di morte della 69° Compagnia del Battaglione Gemona. Il 26 maggio 1915 venne decorato alla memoria con la Medaglia d'Argento al Valore Militare con la seguente motivazione: "Mentre andava valorosamente all’assalto di una trincea nemica; colpito al cuore cadde gridando: Viva l’Italia!».
«Se è stata drammatica la sua fine - ricorda Del Negro -, non meno dolorose sono state le conseguenze vissute dalla sua famiglia. Infatti tre mesi prima di incontrare la morte sul campo di battaglia Valentino Del Bianco si era sposato nella chiesa di Avasinis con Maria Orlando il 15 febbraio 1915. Da quella guerra non fece piú ritorno e non riuscí mai a vedere sua figlia che nacque il 16 novembre 1915. Proprio per ricordare il padre la figlia venne chiamata Valentina. Da tanti anni, inoltre, ad Avasinis la via dove si trovava la casa della sua famiglia è stata dedicata alla sua memoria».
Domenica 24 maggio alla cerimonia e alla messa parteciperanno anche numerosi parenti e discendenti di questo sfortunato alpino friulano.

venerdì 22 maggio 2015

Sabato alla scoperta della riserva di Curnìn

"Tra le acque cristalline del lago ed il lento planare dei grifoni"....

I Comuni di Forgaria nel Friuli e di Trasaghis, in collaborazione con la cooperativa Pavees , propongono l'iniziativa 
"Alla scoperta della ‪#‎RiservaRegionaleNaturaleLagodiCornino‬"
che si svolgerà sabato 23 maggio a partire dalle ore 15.00, con  INGRESSO LIBERO





(ph. Fulvio Genero)

giovedì 21 maggio 2015

Dalle rive del Lago, un inno all'Europa (II)

La Giornata per l’Europa raccoglie sul lago 200 bambini

 Messaggero Veneto, 20 maggio 2015




TRASAGHIS. Sulla riva est del Lago dei Tre Comuni, la Casa per l'Europa di Gemona ha organizzato la Giornata europea 2015 (nella foto). Uno splendido sole ha accompagnato i 200 bambini degli Istituti comprensivi di Gemona, Majano e Trasaghis. Nel corso della mattinata si sono svolte le attività di laboratorio curate dalla Cooperativa sociale Damatrà. Al centro dell'attenzione è stato posto il messaggio riassumibile nello slogano "Think global, act local", contestualizzato attraverso i temi terra, acqua, aria e biodiversità che stanno alla base del progetto "Nutrire il pianeta, energia per la vita" (filo conduttore dell'Expo 2015).
A tutti i bambini e agli insegnanti è stata distribuita una maglietta che rappresentava il XXIII meeting organizzato dalla Casa per l'Europa per celebrare questa giornata, indicante il motto dell'Unione Europea "Unita nella diversità". Diverse le autorità intervenute. Ivo Del Negro, presidente della Casa per l'Europa, ha rivolto un indirizzo di saluto ai 200 bambini partecipanti ricordando come il sodalizio gemonese sia impegnato da oltre vent'anni nella promozione dell'ideale europeo; sono seguiti gli interventi di Aldo Daici, Commissario straordinario della Comunità montana del Gemonese, Canal del Ferro e Val Canale e sindaco di Artegna, Adalgisa Londero, vicesindaco di Gemona con il Consigliere Sonia Venturini, il vicesindaco del Comune di Trasaghis Enzo Vidoni assieme all'assessore alla Cultura Stefania Pisu, i dirigenti
scolastici degli istituti comprensivi di Trasaghis e Gemona, Nevio Bonutti e Enrico Madussi. Infine, un interventoè stato svolto dal professor Renato Damiani, esperto di integrazione europea, che ha spiegato il significato della Giornata Europea, che dal 1950 si celebra ogni anno il 9 maggio.


mercoledì 20 maggio 2015

Cominciano a operare i "Carnia greeter". Anche sul Lago?

Sta muovendo i primi passi l'iniziativa "Carnia greeter":  " cosa sono i “greeter”? Sono volontari residenti che mettono a disposizione dei visitatori le proprie conoscenze, in settori specifici, per far scoprire in modo autentico la loro terra, in questo caso la Carnia. Sono figure diverse dalle guide turistiche, alpine e naturalistiche. " Essi stessi si presentano così: "Siamo un gruppo di volontari locali che amano il proprio territorio e lo conoscono a fondo. Ci muoviamo fuori dai tradizionali circuiti turistici e per questo motivo desideriamo accogliere i viaggiatori in modo autentico, rendendo la visita di un luogo un’esperienza unica nel suo genere. Entusiasti delle nostre vallate ci piace sapere che ci sono tanti nuovi amici pronti a scoprire le nostre zone. Per questo motivo abbiamo dato vita a Carnia Greeters, un progetto senza fini di lucro e volto a promuovere il lato più vero della nostra bellissima Carnia. ". E sul MV del 19 maggio si precisa che sono già 20 i greeters impegnati nel progetto che verrà   presentato ufficialmente sabato prossimo a Tolmezzo e che entrerà nella piena operatività dal 1° giugno. 

Sul sito  specificatamente aperto, c'è già anche una pagina (http://www.carniagreeters.it/lago-di-cavazzo/) dedicata al Lago:

Il più esteso tra i laghi naturali friulani (è lungo 6500 metri) bagna con le sue acque il territorio di tre comuni, Cavazzo Carnico, Bordano e Trasaghis, e offre al turista la possibilità di dedicarsi a una vasta gamma di attività all’aria aperta. Chiamato anche “Lago dei Tre Comuni“, è alimentato sia artificialmente che da sorgenti naturali sotterranee, che sono dei veri e propri crateri larghi fino a 2 metri; ricca è la fauna ittica, nonché la flora e l’avifauna. Antiche leggende raccontano che il lago si sia formato con le lacrime del cielo scese sotto forma di pioggia.

Si tratta, come ognuno può vedere, di un testo costruito con buona volontà ma anche ricco di approssimazioni se non di errori: è auspicabile quindi che, se l'iniziativa prenderà piede, anche da Cavazzo possano giungere contributi capaci anche di approfondire l'argomento citato.