"Alesso e dintorni", dal puint di Braulins al puint di Avons

"Alesso e dintorni", dal puint di Braulins al puint di Avons

sabato 31 dicembre 2016

Un anno col Lunari "ta baràca"

Si è cominciato a discutere presto, ieri, quando sul Messaggero Veneto è stata pubblicata una foto di Alessani tra i prefabbricati. "Ma esal sul serio Cjalcòr chel lì?" "Na ustu!".


Era forse la dimostrazione ulteriore del fatto che il tempo che passa può rendere più confuse e dubbiose le cose. Ed è forse anche la dimostrazione di come operazioni culturali come quelle del Lunari siano importanti, perché consentono di "fissare la memoria" per avere elementi di studio e riflessione.

Nella presentazione di ieri sera si sono sciolti gli ultimi dubbi: sì, la foto era effettivamente riferita a Cjalcòr. E si è aperto un nuovo "gioco" (ma non tanto): riconoscere i luoghi e le persone così mutati anche se nell'arco di "soli" 40 anni.


Il gruppo che cura la redazione del Lunari (Decio, Vigj, Zuan, Elena, Gjulio, oltre a chi scrive) si augura che il lavoro possa risultare interessante; chiede anticipatamente scusa di eventuali errori ed omissioni e spera che il Lunari possa rappresentare un elemento di compagnia per tutto il 2017 e, magari, qualcosa da mettere da parte e custodire, per poterne attingere poi "alla bisogna".

Un'ultima considerazione: a chiusura del quarantennale dal terremoto, forse anche uno strumento come il Lunari ha una sua funzione importante: oltre a fornire elementi di ricordo a "chi c'era", può forse rappresentare un testimone che passa  da chi ha vissuto nelle tende e nelle baracche, affrontando la fatica della ricostruzione, alle nuove generazioni, quelle che son venute dopo. E' un modo per dire loro: siamo passati per di qui, attraverso queste esperienze. Ora tocca a voi, farne tesoro e costruire una strada consapevole verso il futuro. Bon viaç!

                                                                     Pieri Stefanutti


venerdì 30 dicembre 2016

A Bordano un grande e corale "mandi" a Olivo Picco

La chiesa di Bordano non era abbastanza grande, questo pomeriggio, per contenere le tantissime persone arrivate a dare l'ultimo saluto a Olivo Picco. Accanto ai concetti di conforto nella fede espressi da don Roberto, don Giulio e suor Fides,  diversi hanno ricordato l'impegno multiforme di Olivo nella Amministrazione comunale, nella Protezione Civile, nel Gruppo Corale di Alesso, nella Sezione Val del Lago dell'Afds, nella Pro Loco, nell'Ecomuseo.


Anche sulla rete parecchi hanno rivolto un pensiero di ricordo per "Oliver".

Eccone alcuni:

È con nostro grandissimo cordoglio che abbiamo appreso della scomparsa di Olivo Picco, per tanti anni colonna portante di questa Associazione oltre che pilastro della comunità del nostro paese. Fino all’ultimo nostro amato ed instancabile collaboratore, la sua scomparsa ci rattrista profondamente. La Pro Loco tutta si unisce al dolore della sua famiglia e, siamo sicuri, della cittadinanza intera.
(Pro Loco Bordano Interneppo)


Mandi Oliver
Abbiamo avuto la fortunata di averti incrociato nella nostra vita ed abbiamo ancora bisogno che da lassù tu continui a proteggerci per poter proseguire con l'entusiasmo e la generosità che ci hai trasmesso.....
(Milva Rossi)

Mandi Olivo! Quel "Din Dan, ce biel pais ch'al è Bordan" ha fatto il miracolo di unire più comunità, superando antichi campanilismi. Anche per questo dobbiamo ringraziarti.
(Pieri Stefanutti)


Voglio ricordarti così amico mio sempre sorridente.... Mi mancherai tanto in tutte le nostre attività...
FAI BUON VIAGGIO.... MANDI OLIVER..
(Paolo Zingaro)

Grazie Olivo per la compagnia che ci hai fatto in questi anni col canto e con l'allegria. Ci ricorderemo di te cantando in coro...piano "din don din dan ce biel pais ca le Bordan"...MANDI !!!!!
(Pierino Peressini)

Una persona veramente speciale che ho avuto il piacere di conoscere.
Sei stato un grande
(Giovanni Peressini)
-----------------
Cliccando su questo link si può leggere l'articolo pubblicato dal Messaggero Veneto:
-----------
Il Blog ospiterà volentieri ulteriori interventi da parte di quanti hanno conosciuto e apprezzato l'attività di Olivo Picco.
--------------------


giovedì 29 dicembre 2016

Mercoledì gli applausi alle squadre del Comune di Trasaghis (II)

Si è svolta ieri sera, nella sala consiliare di Trasaghis, la manifestazione promossa dal Comune per ringraziare le squadre calcistiche locali (di Alesso, Braulins, Trasaghis) per gli importanti risultati conseguiti nell'ultima stagione.




                                     




Le immagini (di ACD Val del Lago e Rosanna Fracas) documentano il clima di sincera "festa dello sport". Chi vuole può inviare al Blog altre immagini o commenti relativi alla bella serata. Si attendono dunque altri contributi .... rinnovando l'applauso.

mercoledì 28 dicembre 2016

Il Lunari dedicato alla gente di Alesso nei prefabbricati


Come avviene ormai da parecchi anni, sarà presentata venerdì 30  dicembre, alle 20.30, nel Centro Servizi di Alesso, la  nuova edizione del "Lunari di Dalés", il calendario  dedicato ogni anno alla documentazione su aspetti caratteristici della vita quotidiana, della storia e delle tradizioni di Alesso.
L’edizione  2017 si intitola  “Ta baràca ” ed è in dedicata soprattutto al periodo che, a partire da quarant'anni fa,  la gente di Alesso, come quella di tutta l'area terremotata, ha passato nel ricovero provvisorio dei prefabbricati dopo i mesi trascorsi a Lignano.
Nel Lunari vengono così ricordate le principali baraccopoli (Cjalcôr, Pidibarcjas, Presa, Voncedas) e la nuova organizzazione messa in piedi, con le osterie, i negozi, la scuola, la chiesa funzionanti nei prefabbricati.
Il Lunari  si occupa però, con la sua documentazione fotografica, anche di "altre baracche": da quelle allestite in riva al Lago per incrementare il turismo a quelle del lavoro sui cantieri dell'emigrazione, per citare anche quelle adoperate in "altri" terremoti (quelle attuali della Protezione Civile impegnata spesso in interventi di soccorso a popolazioni colpite da calamita).
Il Lunari è stato redatto da un gruppo redazionale che ha già curato, negli anni scorsi, l’edizione di più di 20 numeri diversi: Zuan Cucchiaro, Luigi Stefanutti, Pieri Stefanutti, Decio Tomat, Elena Vidoni e don Giulio Ziraldo.
Rilevante è stata, come sempre, la partecipazione della popolazione, che ha collaborato- anche tramite facebook - nella raccolta di fotografie (una settantina quelle pubblicate sul Lunari) e informazioni.
Edito dalla Parrocchia di Alesso col contributo del Comune di Trasaghis e la collaborazione del Centro di Documentazione sul Territorio, il Lunari, stampato dalla Graphis di Fagagna, sarà, dopo la presentazione,  in distribuzione nei principali esercizi pubblici del paese (nell'edicola in piazza, nel panificio Picco, nella cartoleria di Paola, negli alimentari di Annalisa e Fabio) e anche presso il forno di Trasaghis.

martedì 27 dicembre 2016

Babbo Natale a Braulins

Prima di venire a ritirale la letterina di Alesso & Dintorni, Babbo Natale è passato per Braulins dove si è intrattenuto a lungo, per la gioia di grandi e piccini.
Ecco alcune foto dell'avvenimento:








Per vedere tutte le foto, visita la pagina fb della Associazione "Noi di Braulins":

https://www.facebook.com/groups/311542475717156/?fref=ts

lunedì 26 dicembre 2016

Il Lago è sempre un palcoscenico ideale

Si è svolta con successo questa mattina una nuova edizione di "Giro del Lago 3c Winter", il giro podistico attorno al Lago promosso dall'organizzazione E20 col patrocinio di turismofvg e del Comune di Trasaghis.



Possono essere forse riproposte, in quanto sempre valide, le note pubblicate al termine dell'edizione dell'anno scorso:

Pieno - si potrebbe dire straordinario -  successo dunque per una manifestazione non pubblicizzata sulla stampa nè tramite manifesti: qualche volantino, un po' di Internet e - presumibilmente - tanto passaparola tra gli "aficionados" di manifestazioni del genere.

E il Lago, ancora una volta, è risultato un palcoscenico ideale per manifestazioni di questo tipo, soprattutto per quanti si sono presi i giusti tempi per guardarsi anche in giro.



Come sempre, il Blog pubblicherà volentieri le impressioni ed i commenti di "chi c'era".

domenica 25 dicembre 2016

Caro Babbo ti scrivo ... tuo A&D

Caro Babbo Natale, anche quest'anno "Alesso & Dintorni" ti manda una letterina "in coda al giro". Dopo aver portato i doni a bambini e grandicelli, controlla per favore se in fondo al sacco c'è ancora qualcosina che possa risultare gradita (e utile) alla Valle del Lago.

Quelli che seguono non sono certo richieste ma piuttosto dei desideri.

Porta ai Valdelaghini impegnati nell'associazionismo e nel volontariato la consapevolezza di stare facendo una "cosa  buona e giusta"

Porta a quanti se ne stanno alla finestra (magari a criticare chi si impegna) la voglia di provarci, di scendere in campo tra chioschi e friggitrici, tra anziani da incoraggiare e carte da sistemare

Porta al Lago, in quello che è stato definito "l'anno secondo della sua rinaturalizzazione" la concretezza di qualche passo avanti effettivo

Porta (riporta) ai lettori del Blog il piacere di confrontarsi e di discutere civilmente e pacatamente sui problemi del territorio, ponendo anche delle proposte concrete e fattibili.

Grazie di tutto, caro Babbo Natale!
Tuo A&D

sabato 24 dicembre 2016

Mercoledì gli applausi alle squadre del Comune di Trasaghis

Appuntamento da non perdere per gli sportivi del Comune di Trasaghis quello di mercoledì 28 alle 20 in sala consiliare: verrà espressa la soddisfazione degli sportivi e degli amministratori per i successi ottenuti dalle squadre comunali: l'ACD VAl del Lago di Alesso (vittoria nella Coppa Carnia e nella Super Coppa Carnia), l'ASD Trasaghis (vittoria nella seconda categoria del Campionato Carnico) e AS Amatori Calcio Braulins (primo posto nel Campionato Amatori collinare di 3° Categoria). La manifestazione è stata significativamente intitolate "Una serata per applaudire le nostre squadre".


venerdì 23 dicembre 2016

Aspettando Babbo Natale ... in Val del Lago

Svariate le proposte, nei diversi paesi, relative alla vigilia di Natale.
Eccone alcune:

AVASINIS



BORDANO

Il giorno 24 dicembre ci ritroviamo tutti insieme verso le 17 nel piazzale della chiesa di Bordano ad aspettare l'arrivo di Babbo Natale.
Nell'attesa potremo fare una buona e golosa merenda e divertirci con Roberto ed un gruppo di genitori.
Per informazioni ci si può rivolgere a Silvia presso il Bar Fabbro, a Maria Pia presso l'alimentari oppure direttamente al numero della Pro Loco, 345/7427172.

BRAULINS




Per la segnalazione di altre iniziative, mandate una mail a alessoedintorni@gmail.com .
E buon ... pre-natale!

giovedì 22 dicembre 2016

"La mont di Naruvint" su "Tiere furlane"

L'ultimo numero di "Tiere furlane" (il 25), la bella rivista edita dall'assessorato all'agricoltura della Regione FVG, la cui pubblicazione è coordinata da Enos Costantini, ospita un bel servizio di Ivo Pecile e Sandra Tubaro  dedicata a "La mont di Naruvint". I due autori (che svolgono da tempo una preziosa attività di informazione e divulgazione sulle caratteristiche del territorio friulano, in particolare della montagna) trattano ampiamente del Naruvint (il nome proprio del massiccio, di cui il Brancot - termine forse più noto - è solo una cima) descrivendone le caratteristiche, gli itinerari, la storia. Approfondimenti specifici rimandano alla chiesa di San Michele dei Pagani, alla "buse di Pasche", ai grifoni,  alle testimonianze della Grande Guerra riscontrabili in zona.


La rivista può essere scaricata e quindi consultata dal sito della Regione, cliccando su questo link:
http://www.regione.fvg.it/rafvg/export/sites/default/RAFVG/economia-imprese/agricoltura-foreste/tiere-furlane/allegati/TF25.pdf 


Saranno gradite, sul Blog,  osservazioni e commenti da parte di quanti avranno poi letto l'articolo.

mercoledì 21 dicembre 2016

Se piove in Carnia, qua da noi...

I Comitati che da tempo si battono per la salvaguardia del Lago hanno diffuso il loro augurio di buon Natale, come sempre in maniera assai curata graficamente e capace di offrire spunti di intensa riflessione (ricordate, anni addietro, il drammatico fotomontaggio del lago prosciugato?).
Il messaggio di quest'anno parte da un secco "Piove in Carnia" per passare subito alle inevitabili conseguenze per il Lago e a rilanciare la necessità di un by-pass che recida il cordone ombelicale tra la centrale e il Lago.
L'augurio è datato "anno II della rinaturalizzazione" a ribadire la convinzione che la "questione Lago" abbia assunto caratteristiche del tutto nuove e promettenti.


Nel ricambiare gli auguri, si invitano i lettori a esprimere il proprio parere sul messaggio e, in generale, sulle prospettive che si aprono per il Lago.

martedì 20 dicembre 2016

Alesso propone "la lotteria dei coscritti"

In attesa della festa della coscrizione, tra il 31 dicembre e il I gennaio, ad Alesso viene proposta  da ASD Val del Lago, Parrocchia -  Gruppo Cinema Stelle e Pro Loco la "La lotteria di coscritti" : un montepremi assai ricco da conquistare alla luce dello slogan "Coscritti si nasce ... ma vincitori si diventa!!".
I biglietti sono in vendita nei principali esercizi pubblici del paese. L'estrazione avrà luogo l'8 gennaio, alle 15.30, all'interno della "Fiesta dal purcìt".




lunedì 19 dicembre 2016

Domenica a Trasaghis un atto di "pura energia d'amore" (II)

Pieno successo per l'iniziativa "Pura energia d'amore" che, a Trasaghis, ha raccolto tantissime persone per la raccolta, nel ricordo di Pier, di giochi per i bambini degenti al CRO di Aviano.
Nelle foto di Sonia Venturini ed Enrico Masiero, alcuni momenti della significativa iniziativa.




I presenti, se lo vogliono, possono utilizzare il Blog per comunicare sensazioni e impressioni di un momento così coinvolgente.

domenica 18 dicembre 2016

Mercoledì sera ad Alesso i "racconti di Natale"


Proposta dal Comune di Trasaghis e dalla Pro Loco di Alesso, si svolgerà mercoledì 21, alle 20.30, nella chiesa di Alesso, la serata dedicata ai "Racconti di Natale". Gli attori de "il teatro di Eligio" proporranno una serie di letture e reinterpretazioni di testi della grande letteratura (da Tolstoj a Dickens, da Ungaretti a Quasimodo...) ispirati alla magia del Natale.



sabato 17 dicembre 2016

I Comitati incontrano Borghi per discutere dell'ospedale

Riceviamo e pubblichiamo una nota dei  Comitati in difesa dell'Ospedale San Michele di Gemona  nella quale si ricordano i passi seguiti per garantire la salvaguardia dell'Ospedale Civile San Michele in particolare nel recente incontro col Presidente del Conferenza dei Sindaci dell'AAS n. 3



Mentre riparte la raccolta firme a sostegno della nuova campagna referendaria su Sanità, Uti e Acqua Pubblica, che il Consiglio regionale diCentroSinistra aveva bocciato a luglio, i  Comitati gemonesi a difesa dell’Ospedale San Michele hanno incontrato il dott. Gianni Borghi, Sindaco di Cavazzo, nonche’ Presidente della Conferenza dei Sindaci della AAS 3. Nell’incontro con il Presidente Borghi, che ringraziamo per la disponibilità, sono state presentate proposte e critiche relative alla gestione del nosocomio gemonese, in vista della approvazione del PAL 2017 dell’Azienda 3. In primis, ancora una volta e’ stata sottolineata l’iniquità della Legge di riforma sanitaria, che ha favorito i territori amministrati dal CentroSinistra a discapito di quelli non organici al Governo regionale. Ma oltre alle critiche all’operato della Giunta regionale, nell’incontro si sono focalizzate alcune criticità e proposte da inserire possibilmente nel PAL 2017. Innanzitutto sono stati sottolineati l’importanza e i numeri dell’ex P.S., ora Punto di Primo Intervento, che nel 2015 ha registrato ben 14654 accessi. A fronte di questi numeri viene richiesto il ritorno al ProntoSoccorso con annessa Area di Emergenza, che in passato ha salvato molte vite e dei Posti di Osservazione Temporanea.
Per quanto riguarda l’ex reparto di Medicina, è stata sottolineata la necessità del suo reintegro come S.O.C. con relativo primario, per una concreta “ governance “ dell’attuale Struttura Sanitaria Polifunzionale, che si occupa anche di varie riabilitazioni. Così facendo i nostri anziani non verrebbero più dirottati su altri Ospedali, Al Presidente Borghi è stata segnalata anche la necessità che l’ambulatorio cardiologico gemonese sia messo alla pari con gli omologhi di Tolmezzo e San Daniele. Oggi infatti la strumentazione in dotazione non permette un esame completo e cio’ obbliga i pazienti  al pendolarismo verso le altre due sedi, con i relativi costi sociali ed economici. In particolare è stata segnalata la necessità per Gemona dell’acquisto di un nuovo ecocardiografo, visto che quello che c’era a Gemona, è stato portato a Tolmezzo. Il problema economico non dovrebbe sussistere, viste le paginate di reclame che l’AAS 3 ha recentemente acquistato sui media locali e dei recenti stanziamenti regionali per la Sanità. Inoltre è stata fatta notare la necessità di trovare correttivi per gli interventi di cataratta. La Presidente Serracchiani in una riunione del PD ad Osoppo aveva promesso che Gemona sarebbe diventata punto di riferimento per questo tipo di intervento. La realtà è che la lista di attesa oggi è di 6 mesi, salvo rivolgersi a una struttura privata e al relativo, ingente costo. Infine al dott. Borghi è stata segnalata la necessità che al San Michele venga realizzata l’elipiazzola nello spazio già esistente, prevista dal Piano regionale Urgenze7Emergenze. Per questa struttura i Comitati hanno proposto che la stessa sia abilitata anche per il volo notturno, vista la baricentricità del nosocomio sul territorio, facilmente raggiungibile, al centro di snodi stradali, ferroviari e di infrastrutture di primaria importanza.

Claudio Polano per i Comitati Gemonesi a difesa del San Michele

venerdì 16 dicembre 2016

Claudio, un dalessàn a capo della FIGC carnica

La notizia l'ha data per primo in rete Bruno Tavosanis:

Ufficiale: Claudio Picco è il nuovo Delegato della FIGC di Tolmezzo, quindi di fatto il "capo" del Campionato Carnico
Buon lavoro, ce ne sarà tanto ;)

E, a ruota, il sito carnico.it:

CLAUDIO PICCO NUOVO DELEGATO DELLA FIGC DI TOLMEZZO


Confermando le voci che circolavano negli ambienti del calcio carnico da qualche giorno, è arrivata l’investitura ufficiale di Claudio Picco a nuovo delegato della FIGC di Tolmezzo, in sostituzione di Gianni Toffoletto che ne ha tenuto la reggenza negli ultimi mesi. Assieme a Picco, 43 anni, originario di Alesso di Trasaghis e già presidente della Val del Lago,  fanno parte della delegazione tolmezzina (in attesa della nomina di vice delegato) i consiglieri Mario Cella, Leonardo Iob, Giorgio Magistrelli, Giobatta De Reggi, Gabriele Ioannone, Marco Petrini e Jacopo Valent. Il Segretario sarà Alberto Sica.

(http://www.carnico.it/blog/2016/12/15/claudio-picco-delegato-della-figc-tolmezzo/)

E sullo stesso sito, Massimo Di Centa pubblica la prima intervista al nuovo Delegato:

PICCO: “LA COLLABORAZIONE CON LE SOCIETA PRIMA DI TUTTO”


E’ un Claudio Picco particolarmente emozionato quello che ci risponde al telefono dalla Delegazione di Tolmezzo, di cui ha appena assunto il “comando”.
«Ecco – ci dice – in questo momento è proprio l’emozione il sentimento più forte che sto vivendo. So che ci sarà da lavorare e già ho iniziato a valutare alcuni aspetti, ma il primo impatto con questa nuova avventura attualmente è caratterizzato da questa forte carica emotiva».
Un nome venuto fuori quasi a sorpresa, il tuo …
«Non so se ci fossero altri, diciamo così, candidati a questo ruolo, so per certo però che quando il presidente Canciani e Flavia Danelutti mi hanno interpellato non ho avuto la minima esitazione ad accettare».
Quali sono le “doti” per le quali ti hanno scelto?
«Beh, questa domanda andrebbe fatta a chi mi ha voluto qui. Personalmente, ritengo di avere buone esperienze per quanto riguarda l’associazionismo in generale ed il calcio più in particolare: sono stato presidente della Pro Loco di Alesso, presidente della Val del Lago e componente del consiglio direttivo della Delegazione tolmezzina. Le tematiche degli argomenti che dovrò affrontare, insomma, non saranno cose nuove».
Quale sarà l’aspetto sul quale cercherai di basare il tuo mandato?
«La collaborazione e la condivisione con tutte le componenti del Carnico. Cercherò di essere vicino alle problematiche arbitrali e sarò in contatto con l’associazione allenatori, perché sono organismi importantissimi nel territorio. Ma dove metterò più impegno possibile sarà nel coinvolgimento dei giocatori.  (...)
Un Delegato con le idee chiare e animato da buoni propositi, insomma. A lui ed ai suoi collaboratori un grande augurio di buon lavoro.
(per leggere tutto l'articolo:  http://www.carnico.it/blog/2016/12/16/picco-la-collaborazione-le-societa/)

Sinceri auguri di buon lavoro!

giovedì 15 dicembre 2016

A Cjavaç il nuovo impegno sportivo di Fabio

Il dalessàn Fabio Picco è il nuovo allenatore del Cavazzo. Sulla nuova "avventura" sportiva che lo attende, ha  dichiarato a Renato Damiani, sul sito carnico.it: "“ Dopo un anno di astinenza quando sono stato contattato dall’entourage del Cavazzo non ha esitato a dare risposta affermativa,  pur conscio delle responsabilità che mi sono assunto verso una società che punta alle posizione di vertice in tutte le manifestazioni”. Sarà al comando di una formazione che presenta diverse novità: “ Tutti arrivi di qualità che indubbiamente arricchiscono il già alto spessore tecnico  e sin dai primi giorni il mio compito sarà inizialmente quello di trovare al più presto la giusta amalgama, in tale contesto il lavoro che mi attende non mi spaventa”. ".
In bocca al Bulo!


(per leggere tutto l'articolo: http://www.carnico.it/blog/2016/12/13/carnic-mercato-cavazzo-scatenato/)

mercoledì 14 dicembre 2016

Avasinis per i terremotati di Scai (Amatrice)

Il  pranzo “ AVASINIS per SCAI “ (frazione di Amatrice) ha avuto un successo oltre ogni aspettativa.

La sala dell’Oratorio Mons. Ridolfi  che, come già ampiamente anticipato, ha ospitato un vero e proprio pranzo, era stracolma in ogni ordine di posto, fatto che, ancora una volta, ha fatto rilevare l’unità della Comunità di Avasinis nel momento della solidarietà.


E' stata quindi annunciata una scaletta  capace di fissare i prossimi passaggi del progetto:
1) Invio di foraggio agli allevatori di Scai (Amatrice);
2) Recupero della Fontana termale nel centro della frazione;
3) Invio materiale alla Scuola Materna di Amatrice.

La Pro Loco "Amici di Avasinis", l’Associazione "Luca Sanna", gli Alpini di Avasinis e tutte le Associazioni coinvolte ringraziano di cuore tutti i partecipanti e quanti intenderanno collaborare anche in futuro.




martedì 13 dicembre 2016

Domenica a Trasaghis un atto di "pura energia d'amore"

Domenica prossima, al Centro Don Celeste di Trasaghis l'incontro  "Pura energia d'amore": nel ricordo di Pier, una raccolta di giocattoli nuovi per i bambini degenti nel CRO di Aviano.



Anche L'UDINESE CALCIO ha voluto rendersi partecipe all'evento e ha donato una maglia originale firmata da tutti i giocatori della rosa.
La maglia donata verrà messa all'asta il giorno stesso durante l'evento e il ricavato verrà donato all'area giovani CRO (reparto dei ragazzi).


Il PROGRAMMA prevede:

ORE 10 00: inizio evento
ORE 10 30 e 11/30 : proiezione video AREA GIOVANI CRO E VIA DI NATALE
ORE 12 00 :pastasciutta per  tutti i presenti
ORE 14 00 e 15/00 : proiezione video AREA GIOVANI CRO E VIA DI NATALE
ORE 15 30 : ASTA DI BENEFICENZA con maglietta dell'Udinese
ORE 16 30 / 17 30 proiezione video AREA GIOVANI CRO E VIA DI NATALE

Gli organizzatori dicono: "INSIEME, QUEL GIORNO, CREEREMO UN ALBERO DI NATALE D'AMORE".



DURANTE IL GIORNO CI SARANNO MOLTI DOLCI E ALTRO . UN BUON BRULE' PER SCALDARSI. CAFFÈ, CIOCCOLATA E BIBITE VARIE.

lunedì 12 dicembre 2016

Riguarderanno anche Braulins gli sghiaiamenti del Tajament

Rischio esondazioni: un milione per sghiaiare il Tagliamento

Gemona: finanziato dalla Regione l’intervento sull’alveo e sugli argini fra Ospedaletto e Forgaria Negli ultimi decenni si è verificato un progressivo accumulo di materiale di riporto sul corso del fiume
Risultati immagini per Tagliamento più BraulinsGEMONA. Un primo milione dalla Regione per la sistemazione degli argini e del letto del Tagliamento nel tratto compreso tra la rosta di Ospedaletto e il Comune di Forgaria. A tanto ammonta lo stanziamento predisposto dalla Direzione regionale ambiente ed energia che sarà messo a disposizione del Consorzio di bonifica della pianura friulana, per realizzare un intervento di ripristino idraulico del Tagliamento nel tratto che interessa in buona parte il Comune di Gemona ma anche quelli di Osoppo, Trasaghis, Bordano e Forgaria.
Il sopralluogo richiesto due anni fa dai sindaci a cui aveva fatto seguito una visita dell'assessore regionale Sara Vito con i tecnici della Regione ha dunque dato esito positivo: «Ringraziamo l’assessore – dice il sindaco Paolo Urbani – per aver accolto le richiesta dei sindaci, che a loro volta avevano agito su sollecitazione dei cittadini preoccupati per la riduzione dell’alveo a seguito degli accumuli che si sono creati nel corso degli anni. Ora ci aspettiamo che si dia corso a una serie di interventi protratti negli anni che portino a una soluzione definitiva».
Risultati immagini per Tagliamento più BraulinsNell'analisi effettuata dalla Direzione regionale risulta che, l’evoluzione morfologica del Tagliamento ha portato negli ultimi decenni a una situazione di progressivo accumulo di ghiaie nei tratti a nord del ponte autostradale fra i Comuni di Osoppo, Trasaghis e Gemona: ciò sarebbe stato determinato anche per effetto degli impatti derivanti dalla realizzazione del ponte di Braulins, oltre che dello stesso ponte autostradale.
Lo sviluppo di questi ammassamenti ha ridotto la sezione idraulica e in alcuni casi concentrato il filone verso le sponde, innescando pericolosi fronti di erosione anche sull’argine sinistro del fiume, attualmente considerato a protezione degli abitati di Venzone e Ospedaletto che potrebbero risultare insufficienti a difendere la pianura da possibili esondazione. Con il milione che è stato stanziato si realizzerà la progettazione per 100 mila euro e in seguito si provvederà il primo intervento che comporterà lavori di sghiaiamento e ripristino degli argini. (...)

domenica 11 dicembre 2016

Nuove norme per i commenti su "Alesso e Dintorni"

Una nuova fase per il Blog. E' dal luglio 2009 che "Alesso e Dintorni" cerca di porsi come spazio di discussione per le tematiche relative alla Valle del Lago. Esso è via via cresciuto, sino a porsi come strumento seguito e - perché no - anche a guadagnare in "autorevolezza".
Naturalmente un Blog vive se c'è interazione con i lettori e, per questo, sono stati sinora ammessi spesso gli interventi con pseudonimi e, talvolta, anche gli anonimi.
Le discussioni di questi ultimi tempi hanno però segnato un punto difficilmente superabile, con pluripseudonimi (persone che intervengono fingendo identità diverse) e pseudomonimi (persone diverse che intervengono con lo stesso nome), il tutto accompagnato da affermazioni anche pesanti non valutabili e non verificabili.
Ci si è trovati quindi costretti ("pa sopravivence, no pa l'anarchie" si è detto a proposito di situazioni di 40 anni fa, ma il concetto può essere valido anche in questa situazione) a  non accettare gli interventi di anonimi o di pseudonimi che non siano riconducibili a una specifica persona.

Si possono quindi, d'ora in poi,  inserire commenti con queste modalità:

1) Google/Blogger: col nome con cui si accede già a Google/Blogger, in pratica se si ha un indirizzo gmail. E' la prima voce che compare  andando a fare un commento: selezioanre "Account google" e dare il proprio indirizzo di posta elettronica gmail.



2) OpenID: utilizzando un account comune ad alcune piattaforme (Wordpress, Yahoo…).

OpenID è uno standard che consente agli utenti dei servizi abilitati (per es. Yahoo, Flickr, myspace, wordpress…)  di accedere a qualsiasi sito supportato da OpenID mediante un unico set di credenziali di accesso. Si tratta di un modo di autenticare gli utenti nel blog senza dover richiedere loro di dotarsi di un account Google.
Per iniziare, vai alla pagina dei commenti del post che vuoi commentare. Quindi, seleziona il tuo provider OpenID dal menu a discesa accanto all'opzione "Accedi tramite". Se il tuo provider OpenID non è incluso nell'elenco, scegli l'opzione "Qualunque ID".
Quindi, immetti i tuoi dati di accesso per OpenID. Una volta scelto "Pubblica il commento," verrai reindirizzato al tuo provider OpenID per l'autenticazione del tuo ID. Dopo l'autenticazione da parte del provider, una volta tornato alla pagina dei commenti vedrai che il tuo commento è stato postato automaticamente. A fianco al tuo commento sarà visualizzata un'icona che rappresenta OpenID

3) Inviando una mail dal proprio indirizzo di posta elettronica a alessoedintorni@gmail.com col messaggio (ovviamente sempre identificandosi e con tempi più lunghi di pubblicazione). Si può ricorrere anche direttamente alla casella "Modulo di contatto" presente sulla fascia destra del Blog: si indica il nome e l'indirizzo di posta elettronica, poi il messaggio che verrà inviato per la pubblicazione. 

Purtroppo il tutto potrà risultare più complicato e macchinoso ma, "una volta cjapada la man" potrà essere, si spera, gestito in maniera proficua.

Continuait a stânus dongja  e intervenite, oltre che sulle tematiche valdelaghine via via proposte, anche su questa nuova modalità operativa.
Mandi
A&D

sabato 10 dicembre 2016

Sulla economicità della centrale di Somplago

In Val del Lago discutere sulla funzionalità della centrale di Somplago fa fischiare le orecchie a più di qualcuno, ricordando la ferma opposizione manifestata recentemente a più livelli contro l'ipotesi di raddoppio della centrale stessa, anche se  la stessa Edipower ha rinunciato al progetto giudicandolo non più economicamente sostenibile.
Citando le discussioni e i confronti avviati su questo Blog, Renzo Riva ha mandato al MV una lettera nella quale ribadisce la sua convinzione che l'attività della centrale di Somplago sia economicamente sostenibile solo col l'ipotesi del "ripompaggio" delle acque del Lago.

------------

Quella di Somplago è una centrale chiave 

Un articolo della giornalista Paola Treppo ha dato la stura a dei commenti sul blog locale "Alesso e dintorni" (...) . Nel mio piccolo, e non avendo acquisito l'autorevolezza di un carnico del wwf, che può vedersi pubblicate notizie che il Messaggero Veneto ritiene degne di nota, tento di far passare, attraverso la rubrica delle lettere, quanto ritengo utile ai lettori per la completezza dell'informazione. Orbene la quasi totalità delle persone non ha ancora compreso quale sia la funzione della centrale idroelettrica di Somplago nell'attuale panorama energetico dell'elettricità, che svolge quella che tecnicamente si definisce e per la sua funzione "centrale di punta", ovvero di una centrale che viene comandata alla produzione quando il resto del parco produttivo è alle corde in determinate ore giornaliere e il sistema-Paese chiede una rilevante potenza elettrica. In quei momenti, e se necessita, è utilizzata l'acqua del bacino superiore e pure quasi tutta. Ecco la necessità di riformare la scorta attraverso gli affluenti al bacino e principalmente attraverso il ripompaggio durante le ore notturne. Fuori di dubbio che tale centrale e chiunque sia il proprietario (potrebbe esserlo anche la Regione), sarà economicamente gestibile solo se potrà assicurarsi il ripompaggio. Questo dice la tecnica elettrica e la ragione economica. Ricordiamoci pure che qualsiasi produttore d'energia offre la sua capacità e disponibilità produttiva, alla borsa del mercato elettrico, dove tutti sono in competizione. Renzo Riva - Buja 
(Messaggero Veneto, 9 dicembre 2016)