"Alesso e dintorni", dal puint di Braulins al puint di Avons

"Alesso e dintorni", dal puint di Braulins al puint di Avons

venerdì 11 agosto 2017

"Chest Palâr oramai forest"

Scjefin ha mandato al Blog una sua riflessione sulle pluridibattute problematiche estive del Palar. Un testo arguto, a tratti divertente, spesso amaro, sicuramente da leggere. E da commentare, sempre "cun creance e sintiment", prendendo spunto proprio da Scjefin che dice anche cose "penges", ma lo fa argomentando e motivando.
---------------

Ombrelons, wurstel e sioras cu la piel imbombada 


"L'aga a va simpri da riva jù" a diseva me nona. E cuant che j tu vjôts sîs cjans tal aga dal Sieraiut e j tu pensas a tros ch'an sarà su dal Prin e oltra, tu sâs zà che vuei j fruts a muel tal Gorc dal Spiron a bevaran ancja pisač di cjan.
J dis "ancja" parceche tal sieraiut a son ancja sioras cu la piel imbombada di crema solar che, jentrant ta l'aghe a nous mandaran jù tant di chel vueli di cuei una wiener schnitzel. E dopo j vin dos bielas fameas sot un ombrelòn colorât cun cuatri fruts che a mangjn cavoz ta l'aga e a tirin las scussas a riva par regueilas posdasi dopo. Cualchiduna a svuala usta tal sut ma cualchi d'un ata no, e via jù cu la corint! E ce si podino spieta di chei sis zovins che a stan ta l'aga fin tal buli bevint bira e mangjant pagnuts cul wurstel? Ai gjambars a ur plasin j furçons di wurstel?


Un bombardament cence pandin di fruts che a vegni jù da paret

Oltra a reguei la scovazas di dut chest Palâr oramai forest, il Gorc al a gambiât mût di jessi. Une volte (j tachi a jessi vecjo), j tu podevis nadâ adapardut. Al dì di vuei, la part central e jè sòt un bombardament cence pandin di fruts che a vegni jù da paret. A pasa sòt, tu sâs za che tu cj cjatarâs un frut di siet agns su pa copa. Il problema a no son chei cuatri fruts di Deles che ancjimo a vegnin su e che a conosin ben la creanza e las regulas di cemût saltâ jù. Il problema a son chei ch'a rivin la prime volte e che a salti di ogni cret cence sintiment e cence savei. J piês a son ches fameas che a fasin "trekking", "nature adventure" e via indenant par Inglês. Vèu che a rivin! Nancje smontâts e subìt foto panoramiche cun iphone7 (ma ce seraial di fotografâ in tun puar toc' di riu cun 70 personas ingrumadas una sora di che ata?). Pari: ocjai di soreli cun cuardin, majute body armour, boraza in alumini, brigonuts neris e Merrel tai pis. Mari: bandana, custùm intîr neri e brigonuts neris ancje chei, Birkenstock rinfuarzadas. Fruts: la muta par imersion (tal Gorc?). E jù a butasi cence coscience ne sintiments tant j fruts che il pari (simpri cun las Merrel tai pis, però).

L'efiet di chest gambiament sul Palâr a si vjôt ancje tal paìs. No savares a dî pai aspiets economics, ma siguramenti al tocja la morâl. A plui di cualchidun ai sarà scjampât un voli su par chês frutas disinvoltas di citât che a mostrin il miôr di sè su pas stradas dal pais. Siguramenti a lu an notat ches feminas sentadas tas bancjas in Fontana che a comentavin "il fil interdental tas culetas " di una di lor. Magari a lu varan comentât ancja chei omps sentâts tal bar da Sara... ma in maniera difarent.

Rivât fint culì, il letôr al pensarà: "chest al e un colp da oposizion!"
Prin, j no sei interesât al zuc' politic. Secont, j pensi che l' amministrazion a cerût di fâ ce che a si podeve. J parchegjos a pajament a son stâts fats ben. Purtrop l'inciviltat a vinç simpri. A son cuatri dîs che un SUV a mi parchegja devant di cjasa fûr di striscia blu, blancja o zala che a seti. A smontin in trei, a van su cu la borsa frigo e a van via as sîs cence vei lasât nancja un boro vi dal Lodo.
A son stâts fats bei cartei, ma fau rispietâ al e complicât cun duta chê int. Al u sa ben il Roger che vi dal Sieraiut al a baltimat avonda par fermâ una siora che a voleve piâ un fûc par cuei luanias usta sot la mont che a vevin metut a fûc cualchi mes fa. 

Ce si podial fa alore?

In famea, ognun al sbara la sô. Me sûr a dis che in Americhe par puescj como il Palâr a meti un numar sierat di ingrès. Nol si trate di pajâ, ma nomo di controlâ il numar di ingrès (par mût di dî, puj di dusinta personas a si siera l'ingrès). A voja a diai che l'americhe a jè lontane....
Gnò zinar al e puj zen e a si concentra sul cjatâ il puestut ust e un pôc fûr di man. La femina a dîs che j sin propit furtunâts a Dales e j varessin di fâ afars cun dut chel ben di Diu ch' j vin (Palâr, lâc, trois di mont).
Jo j mi fâs cjapâ dal populismo tant di moda in dì di vuei e j mi insumi Fernando o Medeo ch' a vegnin su cul chel trator ch'a si dopra l'ultima not da l'an pal cjar dai Coscrits e a mi tirin via chest SUV di devant di cjasa e a lu lassin daûr dal cimiteri, in Palût, dulà che gno nono al diseve che al jere il confin e al tacava il mont di "chei aitis"

Bon, ce fasino alore? 

La colpa a je di Facebook, oviamenti. Fint cumò, j vevin rivât a platâ il Palâr e la int di fûr a si jere cjolete il lâc che nou j vevin za pierdût tai agns 50. Cun Facebook, il secret al e' finît e j si cjatin cun trops di int che pôc a pôc a nus parin fûr da chel che j penzavin al fos un mût di vivi immutabil. I efiets dal "turismo di massa" a si conosin. Al a za copât puescj ben pui impuartants dal Palâr, par esempli Vignesie. In chescj dîs, a si fevela tant sui gjornai di un riu dongja Milan dula' che, dopo jessi finit su Facebook, a si intassin Milanês cence bêz par lâ in ferias, cun efiets negatîfs sul splandor dal puest e su la int dal lûc.
A Barcellona, al e' nasût un moviment di citadins cuintra un turismo di massa che, se lassât cence nissuna regula, al svuedarà il centro da citât lasantlu nomo un puest par turiscj e pierdint cussì la sô anime.
Se a an problemas lôr a mi sa che duncje la roba a je un grum dificila e a coventarà tanta fantasia par tirasi fûr di dulà che j sin. 
Forsit, a nus podaresin judâ las clapas e asociazions dal paìs? Forsit a podaressin judâ doi o trei volontaris dal paìs che a van su e jù pal Palâr a impenzâ ai nestis ospits la buina creanza como che al è scrit tas tabelas?
Fâ un tic di educazion ecologjche cui fruts e menau su pal Palâr cun la sporta par reguei scovazas? I nestis a imparin il valôr dal ben comun e dal efiet da l'omp su la natura. Chei aitis, magari a imparin a vergognasi vjodint i fruts dal paìs netâ daur di lôr. Magari cuachidun a si metarâ a judâ?
Previodi il vigil un sabida o doi tant par fâ cualchi multa di avertiment par fa gambiâ la ande?

No sai se j rivarai a vjodi il Palâr di una volta. Ma j speri che a si cjatarà un mût. E senò, pacience. J mi sentarai ancja jò tâs bancjas in Fontana e, intun buligâ di culetas, tatuagjos e borsas frigo ch'al va sù e jù par Nariu, j mi impenzarai dal Deles di cuant ch' j eri piçul, da foto di jò e Luca cul còs che a nus an fat taì deûr e da cuninaria di me nona in banda.

Scjefin T.P.



15 commenti:

  1. Non so il perché,ma leggendo questa "riflessione" sul Palar m'è tornata il mente la canzone di Giorgio Ferigo "Da chest pais forest" ..purtroppo anche il Palar è diventato un luogo alla moda, luogo ricercato da friulani e carnici ,stanchi dei soliti posti ..dove si può arrivare e comportare come a casa propria ,ma il Palar non è casa propria.. Chi si piglia l'impegno di spiegare questo ai tanti turisti abituati nelle grandi spiagge dove tutto è lecito! e dove alla sera passano le imprese di pulizia a recuperare le immondizie e le porcherie abbandonate . Inutile, la propria comodità e poi il resto..Io ho lavorato tanti anni a diretto contatto con la gente,ma ora solo al pensiero di dover discuter con qualcuno su cosa si può o non si può fare "mi da il voltastomaco" come dice Vasco.Certamente si potrebbe organizzare qualche gruppo di volontari disposti a controllare e a pulire la zona ,ma credo che arrivati ad un certo punto spontanea sorga la domanda"Ma per chi sto facendo questo.. vale la pena lottare contro i " massapascius ", simili alle locuste di biblica memoria ?"..Io sono di Bordano , mi ricordo del Palar anni 60\70 ,quando non c'era quasi nessuno che lo frequentava ad eccezione di qualche abitante di Alesso in compagnia di qualche foresto.. ma ora inutile mettere parcheggi a pagamento ,cassonetti per le immondizie , perché le locuste reclamano diritti ma non doveri perché loro pagano le tasse , e tu non sei niente ..Inutile sperare "nella forza pubblica" ,.. purtroppo loro hanno ben altri pensieri da risolvere.. Una volta a scuola insegnavano educazione civica.. ora se chiedi a qualcuno cos'era ti guarda con espressione quasi compassionevole.. Due sono le soluzioni:O bloccare l'accesso alla zona o sopportare l'invasione delle locuste ( similitudini ) sperando arrivi presto la pioggia o il freddo mandi

    RispondiElimina
  2. Il Palâr al è une vorene biel e ancje une vorene cognossût.

    Se no si voleve int foreste al jere di no fâlu cognossi ator.

    Ce fâ? Cualchi cartel "vietato accendere fuochi", "si prega di non abbandonare le immondizie ma riportarle a casa. La natura è di tutti", e v.i.

    E podopo, se si cjate cualchi volontari, controlâ la situazion di persone....

    Altri nol reste di fâ....

    RispondiElimina
  3. Molto poetico e romantico il racconto, mi ha fatto ritornare piccolo quando il bagno lo facevo nel Riu da Côt. Ribadisco però l'opinione che forse ho espresso in diverse occasioni, la colpa non è di Facebook o della pubblicità, la colpa è delle persone, degli uomini e donne che siamo diventati e degli uomini e donne che stiamo crescendo. Non è sempre colpa degli altri, da qualche parte gli altri siamo noi, come cantava qualcuno. A Lignano quest anno ho parlato con una signora che ci vive da 40 anni, diceva che non è più bello abitare a Lignano perché le persone sono cambiate.
    Perché i 5000 lignanesi devono accettare l'invasione di 500.000 persone? Perché il Veneto deve accogliere 53 milioni di turisti? Perché il Trentino e la Toscana devono sobbarcarsi 45 milioni di presenze annuali? Se la risposta è: "Perché ci guadagnano!", allora troviamo il modo di guadagnarci. Se la risposta è: "Ognuno a casa sua!", mi sa che ci rimetteremmo qualcosa nonostante, come ho scritto diverse volte: "Nessun luogo è come casa". Allora perché io, da "delessan" devo accettare che un "trasagan" venga a fare il bagno nel "mio" Palâr, e perché il suddetto "trasagan" deve accettare il transito della mia automobile "delessana" nel mezzo del suo paese? Qual è il limite, il confine?
    Posso essere d'accordo con lo sfogo, ma dobbiamo trovare e proporre delle soluzioni. La non balneabilità, detta con un adagio maschilista, secondo me, è come "tajasi il mani par no lassâ la femina plena".
    Il senso civico si costruisce anche attraverso le regole, le norme, le leggi e le sanzioni. In effetti non si è mai visto nessuno a controllare i ticket o l'ingresso VIETATO, nella piazza della chiesa. Magari con qualche controllo in più, anche durante il rientro delle persone per verificare che i rifiuti vengano gestiti bene, vietando, magari la balneazione dei nostri amici a 4 zampe oltre la curva del Palâr nella zona della chiesa (è solo un esempio, nessuno fa il bagno oltre quel punto), potremmo ottenere alcuni risultati (se prendi due multe in uno stesso posto perché ti comporti da incivile, o ti adegui o non ci torni più).
    Sicuramente il Palâr non tornerà ai dalessans, ma magari solo le persone che rispettano le regole condivise, saranno invogliati a venire a trovarci perché le altre troveranno multe, sanzioni e denunce, ma soprattutto troveranno centinaia di persone con senso civico, pronte a far loro notare che stanno rovinando un equilibrio condiviso e sostenuto da tutti, dalessani e foresti.

    RispondiElimina
  4. La lettrice "Una di voi" ha inviato un commento assai articolato, suddiviso in più parti. Il Blog è disponibile a pubblicare il contributo in un unico articolo, basta che l'autrice invii una mail o un ulteriore commento nel quale si identifica con nome e cognome (eventualmente, poi, potrà essere pubblicato il contributo con il solo pseudonimo). Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ringrazio per la disponibilità a pubblicare il mio intervento per intero, scusandomi per la lunghezza... "Una di Voi" Sono io, Michela Votano. Autorizzo il Blog a pubblicarne il testo con nome e cognome. Grazie di nuovo.

      Elimina
  5. Chiediamoci per quale motivo tanti visitatori preferiscano il Palar alle sponde del vicino lago.
    Franceschino Barazzutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è vero che molti preferiscono il Palar alle sponde del vicino lago.

      Il Palar è piccolo, una nicchia che mal sopporta la presenza di troppe persone.

      Il lago invece è molto più grande e dunque non c'è mai la sensazione di sovra affollamento. I due campeggi da maggio sono pieni di stranieri (soprattutto olandesi e tedeschi). Da giorni non c'è un posto libero ed è tutto prenotato. Tanti i bambini stranieri che giocano in riva al lago...

      E i campeggiatori danno una mano anche alla economia di Alesso andando a fare la spesa nei negozi di Alesso. Ma gli alessiani lo sanno?

      Elimina
  6. 2 negozi di alimentari 3 bar e 1 tabacchino ad Alesso, 15-20 persone che ci lavorano, non si può dire che gli Alessani campano col turismo. Alessana

    RispondiElimina
  7. E 1 macelleria e 1 cartoleria, ma i numeri non cambiano

    RispondiElimina
  8. Mai scritto che gli Alessani vivono di turismo: Alesso non è Cortina o Venezia! Ma una mano ai negozi di Alesso ad aumentare il reddito mensile sicuramente la danno i campeggiatori del lago di Cavazzo! Chiedere ai negozianti di Alesso...

    Se poi ad Alesso si trovasse il modo di attrarli con qualche festa o altro iniziativa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cominciamo a chiamarlo col suo nome...Lago dei tre comuni!!
      Mandi Chicco

      Elimina
    2. Piaccia o meno, il nome toponomastico ufficiale e "storico" del lago è "lago di Cavazzo". Il nome "lago dei tre comuni" è solo un logo turistico inventato anni fa. Ma questo "anonimo" lo sa perfettamente...

      Così si legge nella bella descrizione del lago di Cavazzo che si legge nel sito www.vivinfvg.it :

      "Il nome storico del lago deriva non dal nome della località Cavazzo, come potrebbe sembrare, ma
      dall'antica vedetta romana castrum Cabatium che sorgeva sulla rupe di Cesclans, ove attualmente
      si trova la Pieve di Santo Stefano."

      http://www.vivinfvg.it/immagini_sentieri/sentieri_famiglia/Cavazzo_un_lago_per_tutte_le_stagioni/lagodicavazzo.pdf


      Elimina
    3. Il commento mi pare sia firmato ...
      Forse è più difficile capire chi scrive i vostri post!!
      Mandi Chicco

      Elimina
  9. Pieri Stefanutti15 agosto 2017 14:26

    D'accordo che il nome antico del lago è "Cabacio". Ma è ingeneroso, oltre che sbagliato, definire " logo turistico" la denominazione "dei Tre Comuni". È una denominazione che è in vigore da quasi 70 anni ed è nata da un atto allora concorde delle tre amministrazioni comunali, quando decisero di istituire un consorzio per lo sviluppo turistico. Al riguardo, si può leggere " Tanti nomi per un lago" negli atti del convegno del 1987.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su tutte le carte geografiche o stradali si legge - giustamente - "lago di Cavazzo" perché questo è il suo nome ufficiale. Poi all'interno di un progetto turistico condiviso da tutti e tre i Comuni di Trasaghis, Cavazzo e Bordano si inventò un nome, "lago dei tre Comuni". Logo corretto visto che tre erano i Comuni interessati al progetto turistico.

      Il termine "logo turistico" può non piacere ma la realtà è che per la toponomastica il lago si chiama "Lago di Cavazzo".

      Elimina

Ogni opinione espressa attraverso il commento agli articoli è unicamente quella del suo autore, che conseguentemente si assume ogni responsabilità civile, penale e amministrativa derivante dalla pubblicazione sul Blog "Alesso e Dintorni" del testo inviato.
OGNI COMMENTO, ANCHE NELLA CATEGORIA ANONIMO;, DEVE ESSERE FIRMATO IN CALCE, ALTRIMENTI NON SARà PUBBLICATO.
Grazie.